Cucina con bombola GPL: consigli per la sicurezza in casa

La bombola Gpl in cucina è uno strumento sicuro e affidabile per la cottura dei cibi, ma devono essere rispettate tutte le norme di sicurezza affinché l’impianto sia sempre conforme. Con questo articolo analizziamo quali sono i rischi connessi ad uno scorretto utilizzo della bombola Gpl ed inoltre forniamo alcuni consigli utili per mantenere l’abitazione sicura e l’utilizzo del gas efficiente e performante.

Cucina con bombola a gas: rischi e pericoli

Avere una cucina alimentata con una bombola a Gpl può costituire dei rischi, se non si osservano le regole di sicurezza del corretto mantenimento e posizionamento della bombola.
Molti incidenti domestici avvengono, infatti, per una manutenzione carente della bombola, per errori commessi durante l’installazione della stessa oppure anche per disattenzioni ed uso incauto del gas.
Tali comportamenti scorretti possono causare dei pericoli concreti: dal principio di incendio fino ad un’esplosione della bombola, passando per insidiose perdite di fumi della combustione che possono causare un’intossicazione da monossido di carbonio per tutta la famiglia.

Evitare questi incidenti è possibile, seguendo le regole ed i consigli utili per mantenere la bombola e le tubazioni perfettamente a norma, adottando quindi delle buone abitudini da mettere in pratica ogni giorno.

Cucina con bombola a gas: consigli per la sicurezza

La sicurezza inizia già nel momento della posa della bombola e delle sue tubazioni: non è obbligatorio che l’installazione venga effettuata esclusivamente da tecnici autorizzati dall’azienda fornitrice del gas, in quanto non dovrà essere rilasciata una dichiarazione di conformità che attesti il rispetto delle normative vigenti. Infatti, anche l’utente domestico dotato di comune manualità, dopo essere stato istruito dal rivenditore, può effettuare il montaggio della bombola in autonomia.

Installazione della bombola gas per la cucina

La bombola di Gpl, in particolare, deve essere installata preferibilmente all’esterno, in posizione verticale e su superfici piane. Non può essere collocata sotto il livello del suolo, come cantina o garage; inoltre se la si vuole installare all’interno dell’abitazione bisognerà assicurarsi che il peso della bombola sia adeguato alla cubatura della stanza, secondo la norma UNI 7131/2014.

Norme di sicurezza per le tubazioni di collegamento

Le tubazioni che collegano la bombola Gpl all’apparecchio a gas, inoltre, giocano un ruolo importante:

  1. i tubi flessibili in gomma: devono essere resistenti al passaggio del Gpl; devono riportare il marchio della norma UNI 7140 per essere considerati conformi e hanno una data di scadenza precisa, trascorsa la quale devono essere necessariamente sostituiti;
  2. i tubi flessibili in acciaio: marchiati con la norma UNI 1353, non hanno data di scadenza ma devono essere sottoposti a regolare manutenzione.

Presenza di cappa e ventilazione

Estremamente importanti sono i piani cottura che vengono alimentati con la bombola a Gpl: essi devono avere una presa d’aria di ventilazione e una cappa di aspirazione che scarichi all’esterno; in alternativa può essere installata una cappa a ricircolo e un elettro-ventilatore a parete.

La cappa ha il compito di rimuovere gli odori e i fumi prodotti dalla cottura dei cibi, migliorando la salubrità dell’aria all’interno della cucina; è necessaria anche per prevenire dei pericolosi accumuli di gas che possono essere causa di incidenti rischiosi.
Per conoscere la normativa di installazione di una bombola a gas Gpl leggere: “Bombole a gas in casa: come usarle in sicurezza”.

ragazzo installa cappa di ventilazione per cucina con fornelli a gas

Cucina con bombola a gas: altri consigli utili

Numerosi sono i consigli utili per evitare i rischi connessi all’utilizzo del Gpl per la cottura dei cibi, che mettono al primo posto la prudenza e la massima attenzione quando si utilizzano i fuochi.
È importante anche non riempire le pentole alla massima capacità, perché lo straripamento di un liquido potrebbe causare lo spegnimento del fornello e di conseguenza l’eventuale perdita di gas.

Il bruciatore deve essere correttamente pulito dopo ogni utilizzo, affinché si consumi meno gas e non vengano prodotti fumi nocivi.

Anche il colore della fiamma misura lo stato di salute dell’intero impianto: essa deve essere di colore blu, mentre la fiamma gialla è sintomo di una cattiva combustione.
Infine, quando non si è in casa è bene chiudere la valvola del tubo di alimentazione della bombola, per evitare il rischio di fughe o di lasciare accidentalmente il gas acceso.

Per approfondire come installare in sicurezza le bombole Gpl in casa leggere: “Uso in sicurezza delle Bombole GPL per la casa: consigli”.

Rifornimento Bombole di Gpl in Friuli Venezia Giulia

Noi della Digas distribuiamo bombole GPL ENI in Friuli Venezia Giulia e nelle province di Venezia e di Treviso attraverso una rete capillare di oltre 280 Rivenditori Autorizzati.

Grazie alla nostra moderna ed efficiente flotta di automezzi siamo in grado di organizzare ogni giorno consegne puntuali ai nostri Rivenditori, per garantire sempre la disponibilità di tutta la gamma di bombole GPL ENI, con capacità compresa tra la piccola da 5 kg e la più grande da 62 kg.

Scopri l’offerta Digas per le bombole GPL

RICHIESTA INFORMAZIONI