GPL riscaldamento: le agevolazioni nelle zone non metanizzate

autocisterna digas effettua rifornimento domestico di GPL

Per chi abita in zone non metanizzate è possibile accedere a delle agevolazioni, che consistono in un taglio delle accise per l’acquisto di GPL e gasolio per il riscaldamento della propria abitazione.
In questo articolo vedremo quali sono le zone non metanizzate, i requisiti per usufruire dello sconto in fattura e quale documentazione si deve presentare per la richiesta del bonus.

Scopri l’offerta Digas: fornitura di GPL per riscaldamento in tutto il Friuli Venezia Giulia e nelle provincie di Venezia e Treviso.

Zone non metanizzate: cosa si intende

Vengono identificati come zone non metanizzate quei comuni e frazioni che non sono raggiunti dalla rete di distribuzione del metano; infatti si tratta spesso di zone lontane dalle grandi città o di zone montane, dove è più difficile o impossibile effettuare l’allaccio alla rete.

L’impiego del GPL è la soluzione più diffusa per alimentare le abitazioni ubicate nelle zone non metanizzate. Infatti il GPL, a differenza del metano, può essere trasportato su strada tramite autocisterne, che riescono ad effettuare i rifornimenti anche nelle zone più remote.

Quali sono le zone non metanizzate

Come anticipato precedentemente, una zona non metanizzata è un’area non raggiunta dalla rete metano. Spesso i Comuni considerano che una abitazione si trova in zona non metanizzata quando dista più di 80 metri dalla rete nazionale di distribuzione.
Questa condizione riguarda in particolare tutti i fabbricati ubicati nelle frazioni che si trovano al di fuori del centro abitato ove ha sede il municipio.

La legge stabilisce delle aree geografiche ben precise che possono usufruire dell’incentivo:

  • Comuni e frazioni che rientrano nella zona climatica F;
  • Comuni e frazioni che rientrano nella zona climatica E;
  • Le zone non metanizzate di Sardegna e isole minori (esclusa la Sicilia).

Non sempre il Comune rientra nelle zone climatiche identificate dalla legge e, per avere conferma che la propria casa sia in una zona non metanizzata ci si può recare nel Comune di appartenenza per consultare la lista e le cartografie, assicurandosi di aver diritto all’agevolazione.

Gli aventi diritto vengono identificati da ciascun Comune attraverso una specifica delibera comunale, alla quale è obbligatorio fare riferimento nella compilazione della autocertificazione.

Sconto GPL zone non metanizzate: a quanto ammonta

Con l’articolo 19 della direttiva 2003/96/CE, lo Stato stabilisce il taglio delle accise sui combustibili ad uso riscaldamento utilizzati nelle zone non raggiunte dalla rete di distribuzione del gas metano.

Gli importi applicati, stabiliti dall’Agenzia delle Dogane, variano a seconda del combustibile:

  • GPL: lo sconto è pari a 0,15101 euro per ogni chilogrammo di gas liquefatto consumato (corrispondente ad uno sconto di €/lt 0,07852)
  • Gasolio: lo sconto è pari a 0,12256 euro per ogni litro.

Nel rispetto della legge, lo sconto viene applicato sul GPL al chilo e verrà poi convertito in litri o metri cubi, coerentemente con quanto riportato sulla fattura di vendita.
L’aliquota fiscale agevolata per il gasolio e il GPL è stata confermata e sarà valida almeno fino al 31 dicembre 2024, salvo successive proroghe stabilite per Legge.

Come richiedere lo sconto GPL nelle zone non metanizzate

L’agevolazione fiscale per il rifornimento del GPL è riservata solo a chi lo utilizza per riscaldare la propria abitazione e per l’acqua calda sanitaria.
Dopo essersi accertati che la propria abitazione sia ubicata in una zona non metanizzata, per richiedere l’agevolazione si dovrà presentare al fornitore la seguente documentazione:

  • dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: trattasi di un modulo in cui il Cliente attesta di possedere i requisiti per l’agevolazione;
  • copia di un documento d’identità valido.

Una volta compilati i documenti e consegnati al fornitore, l’agevolazione verrà applicata direttamente in fattura.

Fornitura GPL per il riscaldamento domestico Digas

Noi della Digas consegniamo ogni giorno GPL per riscaldamento ENI alle famiglie del Friuli Venezia Giulia e delle province di Venezia e Treviso.

Tempi di consegna rapidi e affidabili, sicurezza dei rifornimenti e performance del GPL fornito al cliente sono al centro del nostro servizio.

Scopri l’offerta Digas per la fornitura di GPL ENI per il riscaldamento domestico.

RICHIESTA INFORMAZIONI